Volontariato e Scienza, insieme per il progetto “Mister Parkinson”

Il calendario degli incontri presso il San Raffaele Cassino

Contrastare l’azione degenerativa del Parkinson ma anche sostenere i caregiver, ovvero chi si prende cura dei soggetti affetti da tale patologia: questo l’obiettivo di “Mister Parkinson”, un progetto nato dal volontariato ma che si presenta interessante anche nell’ambito della ricerca medica.

Partner scientifico dell’iniziativa è il San Raffaele Cassino, dove è attivo un Centro per lo studio e la cura della malattia di Parkinson diretto dalla Dott.ssa Maria Francesca De Pandis. «Il centro», spiega il Prof. Luigi Di Cioccio, Direttore medico scientifico della struttura, «è dedicato alla sperimentazione clinica sia di farmaci che di strategie terapeutiche all’avanguardia per la riabilitazione, ed è promotore di un modello di cura basato su un approccio riabilitativo multidisciplinare per la presa in carico globale del paziente».

“Mister Parkinson”, promosso da Azione Parkinson Ciociaria e dal San Raffaele Cassino, si avvale del patrocinio della Società Scientifica Nazionale AMGe (Associazione Multidisciplinare di Geriatria) oltre ad avere il sostegno del CESV-SPES (Centri di Servizio per il volontariato del Lazio) e di numerosi partner.

La mission è quella di migliorare la qualità della vita e contrastare lo stato di isolamento di malati e familiari, attraverso laboratori manuali-espressivo-ricreativi e incontri formativi.

Il programma, presentato il 14 ottobre, prevede un calendario di appuntamenti che si terranno presso il San Raffaele Cassino. Dalle lezioni frontali all’addestramento pratico, saranno affrontati diversi aspetti della gestione della patologia.

 

Di seguito le date dei prossimi incontri:

11 novembre 2015 - Le complicanze motorie

2 dicembre 2015 - Valutazione gastrointestinale

13 gennaio 2016 - Complicanze non motorie

3 febbraio 2016 - Complicanze non motorie (seconda parte)

17 febbraio 2016 - Gestione della terapia farmacologica

24 febbraio 2016 - Gestione della terapia riabilitativa

Vota questo contenuto
Commenti

Pubblica un commento

Captcha