L’IRCCS San Raffaele Pisana tra le strutture sanitarie al top nel Lazio secondo il portale Dove e Come Mi Curo

Lo rivelano gli indicatori di qualità clinica relativi a Ictus e BPCO

L’IRCCS San Raffaele Pisana è tra le tre strutture più virtuose relativamente al trattamento dell’Ictus e della Bronco Pneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) nella regione Lazio. Anche per quanto concerne il trattamento dello scompenso cardiaco, gli indicatori della struttura sono superiori alla media nazionale.

Lo rivela Dove e Come Mi Curo: una vera e propria guida nella scelta dell’ospedale migliore, un ambizioso progetto che permette ai cittadini di valutare e comparare la qualità assistenziale delle strutture ospedaliere e delle strutture sanitarie accreditate.

Come si legge sul comunicato diffuso dal portale www.doveecomemicuro.it, «per garantire un giudizio imparziale e dar maggior lustro alle eccellenze, un team di professionisti coadiuvati da un gruppo di ricercatori dell'Istituto di Sanità Pubblica – Sezione di Igiene dell'Università Cattolica di Roma, ha individuato 65 indicatori di qualità clinica».

Sfruttando l'esperienza e i dati ottenuti in due anni di lavoro, il portale ha realizzato un'operazione senza precedenti nel nostro Paese: sono stati raccolti, verificati e inseriti nel database i dati di più di 1300 strutture sanitarie nazionali accreditate, per un totale di oltre 300.000 informazioni aggiornate e di facile consultazione. Una vera e propria mappatura capillare, regione per regione, dell'offerta sanitaria italiana.

Sempre nel territorio regionale, il San Raffaele Montecompatri presenta indicatori di qualità clinica superiori alla media delle altre strutture presenti in Italia e in linea con lo standard di qualità internazionale per quanto riguarda lo scompenso cardiaco.

Vota questo contenuto
Commenti

Pubblica un commento

Captcha