Giornata Nazionale Parkinson 2016: il 25 novembre al MAXXI un incontro interattivo tra medici dell’IRCCS San Raffaele Pisana, artisti e pazienti

“Elogio della lentezza”: come l’arte raffigura il Parkinson

Una giornata di sensibilizzazione, durante la quale è stato presentato “SLOW LIFE: manuale pratico per vivere meglio con il Parkinson”

Oli, pastelli, argilla, pixel. Indispensabili attrezzi del mestiere per un artista, pane quotidiano per un critico d’arte. Per un giorno particolari strumenti di comunicazione per sensibilizzare su un tema alquanto delicato, come quello della malattia.

In occasione della Giornata Nazionale del Parkinson 2016, iniziativa promossa dall’Accademia LIMPE-DISMOV e la Fondazione LIMPE, l’IRCCS San Raffaele Pisana ha organizzato un incontro interattivo tra medici, pazienti ed artisti, durante il quale è stato presente il prof. Fabrizio Stocchi con la sua l’équipe del Centro Parkinson dell’IRCCS San Raffaele Pisana per fornire informazioni su questa patologia neurologica tra le più diffuse, con la quale – è questo il messaggio centrale della manifestazione - è possibile convivere.

L'iniziativa, tenutasi il 25 novembre presso il Corner D del MAXXI Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo in via Guido Reni, 4/A, Roma, si è articolata in diversi momenti. Una mostra dall’evocativo titolo “Elogio della lentezza”: come la rappresenteresti sotto forma d’arte? è il quesito posto a circa 20 studenti dell’Accademia delle Belle Arti di Roma dal loro prof. Gian Luigi Cappelletti, docente di Anatomia Artistica. Una condizione fisica, un concetto per sua natura amorfo, sottile, impalpabile, cui è stato chiesto di dare forma, colore, volume. Il risultato è racchiuso in una sessantina di opere, tra quadri, decorazioni e lavori grafici, che sono state esposte presso il polo museale nel cuore del quartiere Flaminio della Capitale.

La lentezza, quindi, è la condizione con cui i parkinsoniani si confrontano in ogni gesto quotidiano: infilarsi i vestiti, abbottonarli, chiudere una cerniera, scrivere, mangiare, parlare. Con l’idea di aiutare ad affrontare queste piccole grandi sfide quotidiane, è nato “SLOW LIFE: manuale pratico per vivere meglio con il Parkinson”. L’opuscolo, ideato dalla dr. Margherita Torti, nasce dall’esperienza dell’equipe multidisciplinare del Cento Parkinson dell’IRCCS San Raffaele, ed intende fornire consigli utili per migliorare la vita dei pazienti. Questo prezioso vademecum è stato presentato durante un talk in cui l’attrice Tosca D’Aquino ha “intervistato” il prof. Stocchi.  “La malattia di Parkinson – ricorda il neurologo - colpisce circa 200.000 persone in Italia e 1 su 4 ha un esordio sotto i 50 anni. La bradicinesia è il sintomo cardinale, anche se il tremore è quello più conosciuto. La giornata è dedicata all’informazione su questa malattia per conoscerla, riconoscerla e, quindi, poterla curare al meglio. Esistono già buone terapia, ma la ricerca va avanti. Molta speranza viene riposta nei nuovi farmaci rivolti a bloccarne il decorso”.

L’iniziativa è stata realizzata grazie alla collaborazione tra IRCCS San Raffaele Pisana, Accademia delle Belle Arti di Roma, il Liceo Artistico Statale “A. Caravillani” di Roma e l’architetto Sabrina Persechino. Un ringraziamento speciale al Maxxi che ha messo a disposizione i locali per l’evento.

 

I nomi degli studenti che hanno realizzato le opere: Alessandro Dolfi, Antonello Santilli, Anna Lombardi, Barbara Lunetti, Cosmin Guta, Francesco Josè Camerota, GuanCheng Zeng, Lorenzo Attolini, Luca Pontessuglia, Marco Eusepi, Michele Ladu, Mo Zhaoxin, Ottavia Pompei, Pavlo Capoeira, Raffaele Umbaldo, Sheng yiming, Silvia Manzara, Voskoboynikova Nastasya, Zhang Fangwen, Zhang Yidong, Zheng Yu.

Vota questo contenuto

Documenti allegati