Il contributo dei Centri per i Disturbi Cognitivi e le Demenze nella gestione integrata dei pazienti

Il Consorzio San Raffaele ha presentato al X Convegno dell’ISS quattro lavori sui programmi riabilitativi applicati nelle RSA pugliesi

Si è tenuto il 25 novembre a Roma il X Convegno “Il contributo dei Centri per i Disturbi Cognitivi e le Demenze nella gestione integrata dei pazienti”, organizzato dall’Istituto Superiore di Sanità.

Giunto alla sua decima edizione, il convegno si propone di documentare quali attività assistenziali e di ricerca vengono effettuate presso le strutture deputate nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale all’assistenza dei pazienti con demenza e ai loro familiari nel contesto del Piano Nazionale Demenze.

 

Sono stati quattro i lavori del Consorzio San Raffaele accettati e presentati al Convegno:

1) Il Giardino dell’Eco: nuove prassi riabilitative per la qualità di vita delle persone con demenza e disabilità.

2) Tecnologie per favorire il coinvolgimento in attività occupazionali di un paziente con Alzheimer lieve.

3) Uso della tecnologia per favorire il coinvolgimento in attività ricreative di pazienti affetti da demenza moderata-grave.

4) Tecnologia per favorire la comunicazione a distanza con partner significativi in un caso di demenza vascolare.

 

«I progetti, tre dei quali portati avanti in collaborazione con l’Università degli Studi di Bari Aldo Moro», spiega il Prof. Luigi Mario Addante, Coordinatore Sanitario del Consorzio San Raffaele, «mostrano come le molteplici attività riabilitative e occupazionali svolte presso le RSA del Consorzio comprendano programmi specifici e procedure indirizzate a soggetti con diversi tipi di demenza e diversi livelli di deterioramento cognitivo. Dal concetto di “healing garden” e ortoterapia alle tecnologie assistive e alla stimolazione musicale: gli studi presentati mettono in luce risultati molto positivi in termini di miglioramento del livello dell’umore, partecipazione attiva, sollecitazione della comunicazione, motivazione e gratificazione degli ospiti coinvolti».

Vota questo contenuto