Il lungimirante approccio di qualità in sanità del Gruppo Tosinvest

Valutare e garantire la qualità anche a ciò che non si vede: questa è l’ambiziosa sfida che ha lanciato l’onorevole Antonio Guidi, Sottosegretario al Ministero della Salute, in occasione della “III Giornata Mondiale della Qualità in Sanità”. L’onorevole ha esordito ringraziando Tosinvest Sanità e Fondazione San Raffaele per aver organizzato la giornata dedicata al tema complesso ma importante della qualità in sanità e sottolineando l’acutezza e la saggezza di questa azienda, che ha saputo guardare lontano “nel suo lungimirante approccio di qualità in sanità”. Inoltre, l’onorevole ha evidenziato la necessità di garantire la qualità della parola, del dialogo, del rapporto umano tra il medico ed il paziente nonché tra gli stessi operatori sanitari.

Quanto tempo si parla oggi con un paziente? Quanto si dedica alla sua stessa visita? In che modo gli si forniscono informazioni sullo stato di salute?”. Sono questi gli interrogativi che Guidi ha posto al folto pubblico presente in sala dichiarando che i ritmi serrati della società in cui viviamo ci obbligano spesso alla trascuratezza dei rapporti umani, del dialogo, della comunicazione. “Stabilire un rapporto forte all’interno della nostra spesso vilipesa arte medica - ha concluso Guidi - significa stabilire un rapporto che è sempre terapeutico”. Quindi qualitativo. Concetto ribadito con forza anche dal dottor Fabrizio Mastrilli, direttore sanitario del San Raffaele Pisana e dal professor Angelo Capparoni, Presidente dell’Accademia di Storia dell’Arte Sanitaria (ASAS) in occasione della tavola rotonda svoltasi nel pomeriggio “La Qualità nell’intervento in caso di Emergenza nelle Aree a Rischio”, moderata dal dottor Luca Rigoni, responsabile dei servizi esteri di Canale 5.
Il rapporto tra operatori sanitari e utenti - ha difatti affermato Capparoni – rappresenta oggi il cardine più importante della qualità in sanità”. Una qualità percepita, non tangibile, ma comunque qualità.

 

Vota questo contenuto
Commenti

Pubblica un commento

Captcha