Al San Raffaele di Roma il 10 gennaio il I Seminario di Umanizzazione in Medicina

I percorsi di umanizzazione presso le strutture ospedaliere devono diventare una pratica corrente perseguita in tutti gli atti assistenziali in una nuova visione della gestione sanitaria che mette il paziente come persona al centro di tutte le attività ospedaliere. Il paziente non può essere un ricettore passivo di prescrizione terapeutica ma diventa un soggetto attivo che ha diritto all’informazione e al rispetto della sua dimensione antropologica, psicologica e sociale. Promuovere un percorso di umanizzazione significa attuare processi assistenziali ed organizzativi orientati al rispetto e alla specificità della persona, ottenere accessibilità fisica, vivibilità e comfort dei luoghi di cura, accesso all’informazione, cura delle relazioni paziente/medico/struttura ospedaliera/famiglia.

Vota questo contenuto

Documenti allegati