FIBROSI CISTICA: DALLA TIMOSINA UNA NUOVA TERAPIA

Lo rivela uno studio pubblicato oggi su Nature Medicine che svela i meccanismi correttori ed antinfiammatori di timosina α1 (Tα1)

L’Università di Perugia e l’Università San Raffaele Roma insieme alleate per sconfiggere la Fibrosi Cistica (FC)

Romani: “La molecola è già sintetizzata ed è sicura”

Garaci: “Adesso gli studi clinici e nel giro di poco potremo avere un’arma contro la fibrosi cistica”

Nuove prospettive di cura per la FC grazie all’impiego di Tα1, un peptide presente nel timo che potrebbe agire efficacemente nella cura della FC. La ricerca condotta da Luigina Romani dell’Università di Perugia e da Enrico Garaci dell’Università San Raffaele Roma pubblicata oggi su Nature Medicine ha dimostrato come questa molecola sia capace di attivare meccanismi in grado di ricostruire il sistema immunitario e di ridurre i processi infiammatori polmonari ricorrenti nei pazienti colpiti da FC.

Vota questo contenuto

Documenti allegati