Fischio/ronzio ad entrambe le orecchie dopo lieve influenza

Ad ottobre ho avuto una lieve influenza senza febbre nè dolori articolari caratterizzata da raffreddore, catarro e un leggero fischio/ronzio alle orecchie tipico da catarro nelle orecchie. Ho curato tale sindrome influenzale con antibiotico chinoplus e mi è passato tutto, compreso il leggero fischio/ronzio. Dopo una ventina di giorni ecco ricomparire il fischio/ronzio ad entrambe le orecchie che per spiegarci meglio è molto simile a quando si esce dalla discoteca, ma di intensità molto inferiore (per fortuna). Sono quindi stato dall'otorino che mi ha fatto fare 2 esami: audiometria e impedenzometria, entrambi perfetti. L'otorino ha quindi supposto una contrattura e mi ha dato sirdalud 2mg. da prendere per 2 settimane: risultati zero. Non sapendo che pesci prendere mi sono fatto fare un bite che uso da 2 settimane a questa parte, ma per ora il fischio alle orecchie rimane lì dov'è. Stavo pensando di provare Acuval 200, 2 per 10 giorni e poi 1 per altri 20, ma volevo a questo punto un consiglio/parere da un esperto. Durante il giorno il fischio non lo sento, solo quando c'è silenzio, riesco comunque a dormire senza problemi (per ora).

Il ronzio è espressione di un danno delle vie acustiche; l'esame audiometrico che scandaglia frequenze con cadenza di ottave ( 250 Hz, 500, Hz, 1000 Hz, etc.. ) può perdere una piccola lesione parcellare tra l'una e l'altra;
le consiglio di effettuare una registrazione delle emissioni otoacustiche.