Rome Rehabilitation 2021, formazione e innovazione: il San Raffaele partecipa all’evento romano

Dopo un anno di pausa, il 3 e il 4 dicembre prossimi si svolgerà un’altra edizione del “Rome Rehabilitation 2021”. Una due giorni patrocinata dalla Simfer(Società italiana di Medicina fisica e riabilitativa) che mette al centro del dibatto la riabilitazione, l’innovazione e quindi la qualità della vita puntando sulla formazione e le nuove tecnologie.


L’iniziativa, realizzata anche con il supporto dell’Università Telematica San Raffaele Roma, pone l’attenzione su due macroaree: “movimento e terapia. L’esercizio terapeutico, terapia riabilitativa e strategia di supporto, con il farmaco e non solo”; “Start up in riabilitazione”.


Le otto sessionitecnico-scientifiche vedranno alternarsi relatori qualificati e saranno moderate da alcuni tra i maggiori esperti italiani di riabilitazione.


Le sessioni dedicate a “L’esercizio terapeutico e terapia integrata nella lombalgia e cervicalgia” e a “L’esercizio terapeutico e terapia integrata nelle alterazioni posturali e strutturali degli arti inferiori” saranno moderate dal prof. Carlo Damiani, responsabile del reparto di Riabilitazione intensiva del dipartimento di Scienze neurologiche e riabilitative IRCCS San Raffaele Roma e segretario generale nazionale della Simfer. “Dopo la pausa forzata, a causa della pandemia Covid-19, torna in presenza un appuntamento importante – afferma Damiani – utile per fareil punto sulla riabilitazione e per accendere i riflettori sul futuro e le possibilità che ci offrono le nuove tecnologie”.


L’evento è accreditato come ECM per medici e fisioterapisti.


Vota questo contenuto